Loading...

“Attaccati alla poltrona”, associazioni in scena per raccogliere fondi per il teatro Trifiletti

“Solidarietà culturale ed artistica” per la manutenzione delle poltrone del teatro Trifiletti. In tempi di crisi ci s’inventa qualsiasi cosa per evitare che uno dei pochi contenitori cittadini possa continuare ad accogliere chi crede ancora nel teatro, nella musica, nell’arte in generale.

 

Nasce da questa premessa l’iniziativa “Attaccati alla poltrona”, portata avanti dall’assessore Salvo Presti in collaborazione col regista Giuseppe Pollicina. Così, nell’ambito della rassegna “QuiNteatro” si è deciso di inserire uno spettacolo - fuori programma che si terrà il 12 novembre all’interno del Trifiletti - dal titolo “Attaccati alla poltrona”. che vedrà esibirsi sul palcoscenico, in spazi personalizzati, tutte le realtà teatrali milazzesi. I fondi raccolti serviranno a riparare le poltroncine del teatro. “Si tratta di un’idea nata dall’esigenza di rendere il nostro teatro vivibile. – ha spiegato l’assessore Presti – Purtroppo, Milazzo non ha le risorse per riparare le poltrone del Trifiletti. Con questa iniziativa speriamo di riuscire a recuperare le somme per l’intervento”.

 

“L’importanza di “Attaccati alla poltrona” che, oltre ad essere un titolo, è proprio uno slogan – ha aggiunto Giuseppe Pollicina - rappresenta il modo per fronteggiare una nuova stagione teatrale senza perdere abbonati che non hanno più partecipato, non per la qualità degli spettacoli, ma per le temperature del Trifiletti e per le poltrone. Capite bene che sono problemi non indifferenti, soprattutto se si pensa che il nostro pubblico, che ha un’età media di 70 anni, ha un problema concreto fisico che non permette di prendere parte alla rassegna. Lanciando l’idea, fortunatamente tutte le compagnie che operano su Milazzo sono state liete di poter partecipare a questa iniziativa. Questo è un miracolo per il quale devo il mio grazie, per gli otto minuti che ogni compagnia teatrale dedicherà a questa iniziativa. Tutta la città andrà in scena.”